Covid-19 il virus che ha fatto perdere il buon senso in Italia. A Milano multano marito e moglie ristoratori perchè manifestano il loro disagio - Testata on line. Blog d'approfondimento delle notizie con particolare interesse per la Sicilia. Un blog di opinion-leading - Sicilia Turismo e Notizie

   Sicilia Turismo & Notizie
Vai ai contenuti

Menu principale:

Covid-19 il virus che ha fatto perdere il buon senso in Italia. A Milano multano marito e moglie ristoratori perchè manifestano il loro disagio

Pubblicato da in News ·
Tags: Covid

Milano in diretta con "L'aria che tira" mute a ristoratori

Alcuni ristoratori a Milano manifestano pacificamente, con un innocente flash mob, perchè non riescono ad andare avanti a causa della prolungata chiusura delle attività disposta dallo Stato e a questa manifestazione si sono aggiunti alcuni lavoratori che ancora oggi non hanno ricevuto i soldi della cassa integrazione, a riprendere il tutto ci sono le telecamere di La7 che mandano le immagini in diretta a Myrta Merlino su L'aria che tira, in diretta. Ad un certo punto arriva la polizia che procede all'identificazione dei manifestanti ma intanto la Questura di Milano manda sul posto la Digos che procede a notificare a tutti i manifestanti una multa di 400 euro a ognuno di loro, per assembramento.

La conduttrice di La7 Myrta Merlino rimane esterrefatta per quanto sta succedendo e dichiara che lei stessa ha visto che non c'erano assembramenti prima che arrivasse la polizia che, evidentemente, ha scaldato gli animi di quelle persone che già si trovano in una situazione che andrebbe compresa e risolta, invece che sanzionata. Anche gli ospiti in collegamento in trasmissione sono meravigliati per la confusione che c'è nelle innumerevoli decreti e disposizioni emanate che poi portano a situazioni come questa di Milano di stamattina.

C'è rabbia e non solo a Milano. Le persone tutte, in Italia, stanno vivendo una situazione davvero difficile perchè gli appelli dei politici che invitano a portare pazienza non portano da mangiare sulle tavole delle famiglie. Se questa situazione dovesse prolungarsi ancora per molto è indubbio che tra qualche mese il Paese potrebbe non mostrare più la pazienza avuta fin ora, perchè quando un cittadino resta senza soldi in tasca e non per colpa sua ma perchè lo Stato lo ha obbligato a restare chiuso dentro casa, ad un certo punto se lo Stato non aiuta lui e la sua famiglia a mangiare ci potrebbero essere reazioni non più controllabili.






Torna ai contenuti | Torna al menu