Piazza Armerina, città del Palio dei Normanni - Vacanze in Sicilia - Turismo e Notizie

Abcsicilia
Vai ai contenuti

Menu principale:

Piazza Armerina, città del Palio dei Normanni

La città di Piazza Armerina
Cosa vedere nella città di Piazza Armerina (EN)

Piazza Armerina è un comune della provincia di Enna, nel cuore della Sicilia, con poco più di 20.000 abitanti, presente nella maggior parte dei pacchetti turistici della Sicilia grazie al suo sito d'arte romana, la Villa Romana del Casale, patrimonio dell'Umanità tutelato dall'UNESCO, i cui mosaici sono conosciuti in tutto il mondo. L'appuntamento più importante a Piazza Armerina è il Palio dei Normanni, una imponente rievocazione in costumi d'epoca dell'ingresso festoso del Conte Ruggero d'Altavilla nell'antica città di Plutia, che si svolge dal 12 al 14 agosto di ogni anno. Un'esperienza unica e irripetibile che tutta la città vive con passione nell'attesa della "Quintana" dove i quattro quartieri storici si affrontano in un'entusiasmante giostra. Una festa medievale ricca di musiche, balli. colori e divertimento. Cortei storici attraversano le strade della cittadina e con enfasi si celebra la solenne consegna delle chiavi. Il momento più importante è indubbiamente il torneo medievale, la Quintana del Saracino con la competizione dei quattro quartieri storici per contendersi il palio papale con l'effige di Maria SS. delle Vittorie.

Cose da vedere a Piazza Armerina

La città è circondata, oltre che dalle foreste del Parco della Ronza, e dagli altri boschi, da altri siti dalla prospera natura come la Riserva Naturale Orientata Rossomanno Grottascura Bellia di cui una parte ricade proprio sul territorio di Piazza Armerina. Questa zona della Sicilia è, senza dubbio, il luogo ideale per il turista che vuole avvicinarsi alla natura ed ai suoi ritmi, che vuole cogliere il fascino del mondo rurale e delle sue evoluzioni, che vuole conoscere la genuinità dei prodotti offerti dalla terra e lasciarsi sedurre dal meglio della sua preziosa gastronomia. Ma, a Piazza Armerina sono da ammirare gli antichi quartieri del Centro Storico, con le viuzze medievali e i loro palazzi rinascimentali e barocchi.

Sotto trovate alcune strutture turistico-ricettive dove soggiornare a Piazza Armerina, dove alloggiare, dormire, mangiare o divertirsi a Piazza Armerina e dintorni in provincia di Enna.

Il Palio dei Normanni 12 - 13 - 14 agosto 2012

La più imponente Rievocazione Storica del Meridione d'Italia

12 agosto: Consegna delle armi, benedizione dei Cavalieri giostranti e dei Quartieri
Il Palio dei Normanni inizia ufficialmente nel pomeriggio del 12 agosto, con la consegna delle armi nella piazza del Comune e la benedizione dei Cavalieri giostranti e dei Quartieri nella Basilica Cattedrale.Questa giornata riveste una notevole importanza emotiva, poiché i Quartieri tornano ad incontrarsi dopo un anno, con tutto il carico di entusiasmo, di rancore, di voglia di riscatto e di nuova vittoria. Non è facile descrivere con poche parole una festa quale il Palio dei Normanni, che deve essere vissuta per essere capita; posso solo dire che quando nell’aria di Piazza Armerina cominciano a diffondersi le note del rullare dei tamburi e lo squillare delle trombe, qualcosa si risveglia negli animi degli abitanti dei quartieri. Nella piazza del Comune (piazza Garibaldi) sotto il civico Palazzo del Senato, dai quattro quartieri giungono i cortei storici costituiti dai musici, dai notabili, dalla squadra dei Cavalieri giostranti e dagli alabardieri. Il Gran Magistrato, quale rappresentante del potere giudiziario e di governo della città, con un atto rituale consegna le armi ai Cavalieri giostranti dei quattro quartieri e il pubblico Bando al Banditore di Plutia. Dopo questa cerimonia, l’intero corteo storico si porta nella Basilica Cattedrale per la cerimonia religiosa della benedizione dei Cavalieri giostranti e dei Quartieri, e la donazione da parte del Gran Magistrato di una lampada votiva che viene posta ai piedi del ferculo che custodisce la Sacra immagine di Maria SS. delle Vittorie. Dopo la solenne cerimonia religiosa che rappresenta il momento più intimo che i Quartieri vivono, il Corteo storico attraversando le principali vie, si ritira nelle logge di contrada San Pietro.
13 agosto: La consegna delle Chiavi
In questa giornata, in un’atmosfera surreale densa di fascino dove i colori, le immagini, i rumori ed i suoni, appartengono ad un’età antica, ma mai estinta, si rievoca l’ingresso delle truppe normanne nell’antica città.Il corteo composto dalle milizie appiedate, dalla cavalleria normanna e dal Conte Ruggero con il Vessillo papale di “Maria Santissima delle Vittorie”, fanno solenne ingresso in città da porta Castellina, dove percorrendo le principali vie giungono nella piazza del Duomo. Qui ad accoglierlo, annunziato da squilli di trombe e rulli di tamburi i rappresentanti della città: il Priore con il Magistrato dei Quartieri, i Notabili, le Dame, il Gran Magistrato con la Gran Dama, i Cavalieri giostranti dei quattro quartieri storici, Monte – Castellina – Canali – Casalotto. Sul sagrato della Basilica Cattedrale, al Conte Ruggero si fa incontro il Gran Magistrato preceduto dai paggi, dal Cerimoniere e dal Banditore, il quale dopo avere assicurato la fedeltà della città, gli dona simbolicamente le chiavi di Plutia. Il Conte Ruggero apprezza la lealtà con la quale il Gran Magistrato assicura il possesso della città, accoglie la richiesta di sottomissione di tre dignitari arabi e portatosi sul palco dopo avere ricevuto il saluto dei dignitari, concede loro dei medaglioni quale riconferma dei possedimenti avuti. Dopo la cerimonia, l’intero corteo si ricompone e attraversando le principali vie del centro storico, uscendo dalla via Garibaldi (all’altezza della chiesa di Santo Stefano e della Commenda dei Cavalieri di Malta), dove era ubicata la porta San Giovanni, si ritira nelle logge di contrada San Pietro.
14 agosto: La Quintana del Saracino
Il 14, presso il campo Sant’Ippolito, sin dalle prime ore del pomeriggio, frotte di popolo dai quartieri gremisce gli spalti, deve con trepidazione ed ansia vivrà le diverse fasi della giostra, plaudendo a vicenda i propri cavalieri e sperando nell’errore degli avversari, in attesa del verdetto finale che assegnerà il Palio.I cinque Cavalieri giostranti dei quattro quartieri storici che si contraddistinguono con i propri colori sociali: Monte, (colore giallo) – Castellina, (colore azzurro) Canali, (colore rosso) - Casalotto, (colore verde), in onore al Conte Ruggero e alla presenza di tutti i figuranti rappresentanti della città, effettuano una giostra con prove di abilità e destrezza contro l’effigie del saraceno, costituito da una tipica statua di legno, a mezzo busto, adattata su un supporto che la rende girevole.
- Prima prova: i cavalieri si lanciano al galoppo con la lancia in resta per colpire lo scudo del saraceno;
- Seconda prova: i cavalieri si lanciano al galoppo con una mazza chiodata per colpire lo scudo del saraceno;
- Terza prova: i cavalieri si lanciano al galoppo con la lancia in resta contro il saraceno, cercando di infilare, durante la corsa, un anello del diametro di 11 cm. ;
- Quarta prova: i cavalieri si lanciano al galoppo con un giavellotto che dovrà essere lanciato attraverso un anello posto su una forca.
Alla squadra del quartiere che realizza nelle prove il maggiore punteggio viene assegnato il Palio, una copia del Vessillo papale raffigurante “Maria SS. delle Vittorie” che sarà conservato per l’intero anno nella parrocchia del quartiere.Alla fine l’intero corteo si ricompone e attraversando le principali vie, porta in trionfo per la città il Vessillo ed i vincitori.Così Piazza Armerina alle soglie del terzo millennio, erede di antiche e nobili tradizioni religiose, rinnova alla Madonna sua regina e protettrice, con il Palio, una festa di fede e devozione popolare, dove i quattro quartieri che si sfidano per aggiudicarsi il Palio rappresentano l’esempio vivente del radicamento alla storia e alle tradizioni. E su questi quartieri, piazze e vie la Vergine Maria stende il suo manto protettivo, poiché senza la Madonna non è possibile infatti capire questa città, che trae le proprie origini dalla secolare devozione mariana dei piazzesi, che alla Madonna dedicano appunto la storica festa del Palio dei Normanni.

Per guardare le foto dell'Edizione 2012 CLICCA QUI
Parchi e Riserve Naturali in Sicilia



VACANZA E AVVENTURA IN SICILIA

Lo scorrimento delle acque del fiume Alcantara ha modellato e inciso il territorio attraversato e, in località Fondaco Motta, frazione del Comune di Motta Camastra, in collaborazione con alcune imponenti colate laviche, ha creato delle suggestive e profonde gole a strapiombo, conosciute come le Gole dell'Alcantara...continua

_____________




LA STORIA DA VISITARE IN SICILIA

Il Parco Archeologico della Neapolis, di notevole estensione, racchiude importanti monumenti che rappresentano la storia della città: la piscina romana, l'Anfiteatro romano, l'Ara di Ierone, l'Orecchio di Dionisio, la Grotta dei Cordari, le Latomie del Paradiso, le Latomie dell'Intagliatella, le Latomie di S. Venera, la Tomba di Archimede e la Necropoli Grotticelle, tutte cartoline fantastiche da visitare in provincia di Siracusa, in Sicilia...continua


_____________




LEGGENDE E MISTERI DEL PASSATO IN SICILIA

Il sito archeologico delle Grotte della Gurfa è un raro esempio di architettura funeraria rupestre, scavato nella roccia arenaria dalla mano dell'uomo in epoca preistorica. La ricostruzione storica di questo monumento è piuttosto complessa per la mancanza di reperti archeologici nella zona circostante le grotte, oltre che per il continuo uso dell'ipogeo che in parte ne ha modificato, trasformato e forse eliminato, la struttura originaria. Studi recenti tuttavia riconoscono questo luogo come tempio dedicato... continua
BORGHI SICILIANI
COSA VISITARE IN SICILIA





BELLEZZA E MOVIDA NOTTURNA IN SICILIA


Tra i posti da visitare in Sicilia, in provincia di Siracusa, non potete assolutamente mancare di fare un viaggio nella stupenda borgata marinara di Marzamemi che possiede una bella spiaggia e da diversi anni offre anche la possibilità di numerosi approdi attrezzati per imbarcazioni da diporto. Nelle serate estive è meta di migliaia di giovani provenienti dalle vicine province siciliane, ma anche dei tantissimi turisti presenti in zona, perchè Marzamemi è luogo di movida notturna, molto ambita dai giovani.. continua

_____________




POSTI DA VEDERE IN SICILIA

Uno dei 90 borghi medievali più belli d'Italia per il suo grande valore artistico, culturale e storico. Nel 2015 poi, Montalbano Elicona è stato eletto il Borgo dei Borghi, cioè il Borgo più bello del nostro Paese, a dimostrazione che la Sicilia è piena di tesori nascosti. Il Castello di Montalbano Elicona rappresenta l'elemento storico-architettonico più significativo del Borgo, dominando tutto il tessuto urbano medioevale ricco di autentica storia...continua

_____________




LUOGHI DA VISITARE IN SICILIA

Tra le sue strette viuzze, irte e medievali, si incontra gente sincera, fiera del proprio passato. A Gangi si conservano ancora gli antichi mestieri, ci sono diverse botteghe: il fabbro, il falegname e lo scalpellino per la lavorazione della pietra. Ma c'è anche il fascino della... continua
Tantu fumu e nenti arrustu (Tanto fumo e niente arrosto)
Molta gente di fumo ne produce a iosa, pochissimi si preoccupano di cose serie e sostanziose. E i venditori di fumo, di norma, propongono affaroni!
Seguici su Facebook
© abcsicilia   -   Portale turistico e informativo per la Sicilia  -     Tutti i diritti riservati        Chi siamo      Privacy e Cookie Policy

Direttore responsabile: Giuseppe Cianci  giuseppe.cianci@abcsicilia.com                                          Contatti: redazione@abcsicilia.com  

Testata on line non soggetta agli obblighi stabiliti dall'art. 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416 e successive modificazioni, e dall'art. 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62. Inoltre ad essa non si applicano le disposizioni di cui alla Delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008.
Questa testata/blog non costituisce una testata giornalistica poiché non ha carattere periodico ed è aggiornata/o secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerata/o in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 2001. Si precisa inoltre che abcsicilia.com non ha alcuno scopo di lucro, tutti i ricavi della pubblicità presente sono finalizzati al sostegno delle spese tecniche per il mantenimento del dominio e il reperimento dei materiali.
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu