Benvenuti a Gaggi - Sicilia Turismo e Notizie

   Sicilia Turismo & Notizie
Vai ai contenuti

Menu principale:

La città di Gaggi
Cosa vedere nella città di Gaggi (ME)

Gaggi è un comune della provincia di Messina, con poco più di 1.200 abitanti, situato nel territorio del Parco Fluviale dell'Alcantara, di cui ne rappresenta la porta d'ingresso. Oggi è diventato un fiorente centro dell'edilizia residenziale con il suo Antico Borgo di "Cavallaro" che attira visitatori amanti della storia.
Da visitare la Chiesa SS. Maria Annunziata del XVII secolo, la cui facciata è incastonata tra le scene di pietra lavica e marmo rosa di Taormina, il Palazzo del marchese di Schisò e l'antico Palazzo Baronale del XVI secolo. San Sebastiano è il patrono di Gaggi che viene solennemente festeggiato la seconda domenica di agosto, con grande partecipazione popolare.

Anticamente la cittadina si chiamava Kaggi, il nome che le avevano assegnato gli arabi, ed è stata una piccola borgata di Taormina fino al 1820 quando Kaggi si staccò per raggiungere la sua autonomia giuridica, contava allora 390 abitanti circa.

Sotto trovate alcune strutture turistico-ricettive dove soggiornare a Gaggi nel Parco Fluviale dell'Alcantara, dove alloggiare, dormire, mangiare o divertirsi a Gaggi e dintorni in provincia di Messina.


Cu ciù assai ni sapi, ciù assai ni cunta (Chi più ne sa, più ne conta)
Il sapere viene paragonato ad un pozzo pieno d'acqua: più ce n'è e più è fondo
Parchi e Riserve Naturali in Sicilia



VACANZA E AVVENTURA IN SICILIA

Lo scorrimento delle acque del fiume Alcantara ha modellato e inciso il territorio attraversato e, in località Fondaco Motta, frazione del Comune di Motta Camastra, in collaborazione con alcune imponenti colate laviche, ha creato delle suggestive e profonde gole a strapiombo, conosciute come le Gole dell'Alcantara...continua

_____________




LA STORIA DA VISITARE IN SICILIA

Il Parco Archeologico della Neapolis, di notevole estensione, racchiude importanti monumenti che rappresentano la storia della città: la piscina romana, l'Anfiteatro romano, l'Ara di Ierone, l'Orecchio di Dionisio, la Grotta dei Cordari, le Latomie del Paradiso, le Latomie dell'Intagliatella, le Latomie di S. Venera, la Tomba di Archimede e la Necropoli Grotticelle, tutte cartoline fantastiche da visitare in provincia di Siracusa, in Sicilia...continua


_____________




LEGGENDE E MISTERI DEL PASSATO IN SICILIA

Il sito archeologico delle Grotte della Gurfa è un raro esempio di architettura funeraria rupestre, scavato nella roccia arenaria dalla mano dell'uomo in epoca preistorica. La ricostruzione storica di questo monumento è piuttosto complessa per la mancanza di reperti archeologici nella zona circostante le grotte, oltre che per il continuo uso dell'ipogeo che in parte ne ha modificato, trasformato e forse eliminato, la struttura originaria. Studi recenti tuttavia riconoscono questo luogo come tempio dedicato... continua
Siamo anche su facebook:
© abcsicilia   -   Portale turistico e informativo per la Sicilia  -     Tutti i diritti riservati        Chi siamo      Privacy e Cookie Policy
Direttore responsabile: Giuseppe Cianci                                                        Contatti: redazione@abcsicilia.com  giuseppe.cianci@abcsicilia.com

Testata on line non soggetta agli obblighi stabiliti dall'art. 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416 e successive modificazioni, e dall'art. 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62. Inoltre ad essa non si applicano le disposizioni di cui alla Delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008.
Questa testata/blog non costituisce una testata giornalistica poiché non ha carattere periodico ed è aggiornata/o secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerata/o in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 2001. Si precisa inoltre che abcsicilia.com non ha alcuno scopo di lucro, tutti i ricavi della pubblicità presente sono finalizzati al sostegno delle spese tecniche per il mantenimento del dominio e il reperimento dei materiali.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu