Benvenuti nel Borgo dei Borghi, Gangi - Vacanze in Sicilia - Turismo e Notizie

Abcsicilia
Vai ai contenuti

Menu principale:

Benvenuti nel Borgo dei Borghi, Gangi

La città di Gangi
Cosa vedere nella città di Gangi (PA)

Gangi è un piccolo comune italiano con meno di 7.000 abitanti appartenente alla città metropolitana di Palermo e fa parte del circuito dei borghi più belli d'Italia, dove è stato proclamato "Borgo dei borghi" nel 2014. Il centro storico di Gangi è abitato da appena 1.800 abitanti ed è davvero uno dei borghi più belli del nostro Paese. Qui a Gangi arte, cultura, artigianato, buon cibo e buon vino la fanno da padroni.

Dentro le bellezze artistiche e monumentali di Gangi c'è il cuore dei gangitani, tra le sue strette viuzze, irte e medievali, si incontra gente sincera, fiera del proprio passato. Da visitare a Gangi il Palazzo Bongiorno, una dimora del 1700 formata da 8 sale interamente affrescate da Gaspare Fumagalli e Pietro Martorana, la dimora è ora adibita a uffici comunali,  altro luogo importante è la Chiesa Madre dedicata a San Nicola di Bari.

A Gangi si conservano ancora gli antichi mestieri, ci sono diverse botteghe: il fabbro, il falegname e lo scalpellino per la lavorazione della pietra. Ma c'è anche il fascino della scrittura su pergamena e papiro e i restauratori degli affreschi dentro i monumenti storici.

Molte sono le manifestazioni che intrattengono tutto l'arco dell'anno i turisti qui a Gangi. La più importante di queste manifestazioni è la Sagra della Spiga, molto importante a Gangi dove la spiga rappresenta il collegamento fra l'uomo e Dio, il frutto delle proprie tradizioni.

Molti i prodotti genuini dell'agricoltura di Gangi che ne rappresentano ancora oggi la storia, la cultura e le tradizioni. Un'altra eccellenza di questo borgo è data dai prodotti realizzati con il latte e la provola delle Madonie, caratteristica di questa zona, ne è la prova.

Il nome: la città greca di Engyon è stata identificata con Gangi. A fondarla intorno al 1200 a.C. sarebbero stati i Cretesi, dal nome di una sorgente. Dopo la sua distruzione , un nuovo insediamento prese il nome di Engio (dal latino Engium), in seguito Gangi.
L'aria fine e il profumo di montagna portano tanti turisti a Gangi, che, più che un borgo, è una cittadina dalle origini mitiche. Il borgo medievale, che tramuta la roccia in arte e sembra sorgere direttamente dalla pietra, bisogna cercarlo proprio in cima, superando le pendici del monte. Ma ecco che, imboccata una stradina acciottolata, si apre davanti agli occhi una scenografia lapidea: un grosso gregge di case addossate le une alle altre, facciate dorate, addobbate di fiori, balconcini di ferro battuto, ricchi portali. Diciotto chiese, palazzi signorili, tesori artistici sono disseminati in queste stradine che s'inerpicano e s'intrecciano in un grandioso scenario naturale.

Cosa mangiare a Gangi, cose da vedere a Gangi e dintorni
I piaceri del borgo, cose da mangiare a Gangi:
- Il caciocavallo di Gangi è un formaggio a pasta filata ottenuto dal latte crudo vaccino. Inoltre si produce dell'ottimo pecorino di primo, secondo sale ed anche stagionato con grani di pepe. Rinomata anche la salsiccia secca.
- Il piatto di Quaresima è il baccalà fritto con contorno di finocchietto selvatico. Anche i dolci rispettano le tradizioni: a Natale la cucchia, pasta frolla con mandorle, uva passa e fichi secchi; in estate e autunno i mastacuttè, biscotti con succo di fichi d'India.

Cosa vedere a Gangi:
- La Festa dello Spirito Santo si tiene il lunedì dopo Pentecoste, una spettacolare processione religiosa, con 35 statue di legno portate a spalla.
- A Natale, dal 26 al 29 dicembre si organizza ogni anno il presepe vivente denominato"Da Nazaret a Betlemme" ambientato e rappresentato tra i suggestivi vicoli del borgo.
- Palazzo Mocciaro con i suoi saloni affrescati, dell'ottocento, si trova in Corso Umberto I.
- Palazzo Bongiorno, del 1756, è uno dei migliori esempi di architettura settecentesca nelle Madonie. Vanta la magnifica decorazione a trompe l'oeil delle sale del piano nobile. Nel 1758 le sale del palazzo iniziarono a ospitare l'Accademia arcadica degli industriosi.
- Palazzo Sgadari che ospita al pian terreno il Museo Archeologico, mentre al primo e secondo piano si trovano: l'Istituzione Gianbecchina, il Museo delle Armi e Museo della fotografia Albergamo.
- Sul corso Fedele Vitale si affacciano le botteghe del XVI secolo, con i fornici che erano insieme a porta e finestra-banco di vendita. Quasi al termine del corso si trova la Chiesa di San Cataldo della prima metà del secolo XIV, che custodisce statue lignee del Quattrocchi e il dipinto di Giuseppe Salerno "Il supplizio dei quaranta martiri" (1618). Il Castello dei Ventimiglia, sorto nella prima metà del XIV secolo, spicca sull'abitato con i resti di due torri. Nella città bassa, la Chiesa del Salvatore conserva il crocefisso ligneo di Frà Umile da Petralia e l'Ascesa al Calvario di Giuseppe Salerno. La Chiesa di Santa Maria di Gesù (1710) ha un portale a bassorilievi del 1665 e varie sculture lignee di Filippo Quattrocchi all'interno, tra le quali il gruppo dell'Annunciazione, capolavoro di espressività.

Una viuzza del centro
Una viuzza del centro
Chiesa della Badia - 1738
Chiesa di San Paolo - Navata centrale
Torre tardo Gotica detta "dei Ventimiglia" - Secolo XIV - XV
La Torre dei Ventimiglia è un antico feudo in stile tardo Gotico, oggi campanile della adiacente Chiesa Madre di San Nicolò, edificata nella prima metà del XIV secolo sotto la signoria dei Conti di Geraci. Solo tra il XVI ed il XVII secolo venne inglobata dalla Chiesa Madre. Tra l'età medievale e quella moderna fu posseduta anche dai Cavalieri di Malta.
Torre dei Ventimiglia e Cupola della Chiesa Madre
Chiesa Madre
La Chiesa Madre, edificata in età normanna, è dedicata a San Nicola di Bari. Ha tre navate con cappelle ed è sormontata da un'ampia cupola. All'interno il Giudizio Universale di Giuseppe Salerno del 1629
Chiesa Madre

La cinta muraria trecentesca racchiudeva la parte alta della città, quella che ancora oggi conserva gli edifici più significativi. La parte più bassa si sviluppa sulle vie in salita, ripide e strette, che conducono al centro storico. La nostra visita comincia dalla parte alta della città. La Chiesa di San Paolo (foto sopra di Giuseppe Cianci), edificata nel XV secolo, presenta una semplice facciata in pietra, arricchita da un portale secentesco ornato di bassorilievi. A tre navate e portale in pietra con bassorilievi. All'interno potete vedere un'opera di G. Li Volsi.
La Chiesa della Badia (foto sotto di Giuseppe Cianci) ha una facciata in pietra nuda a tre ordini sovrapposti d'impronta cinquecentesca.

Ricette facili




Le ricette più famose della cucina tipica siciliana

Nel cuore del Mediterraneo, la Sicilia è stata per millenni crocevia di popoli che le hanno impedito di affermarsi, nel campo culinario, in maniera autonoma.
Sempre dominata, la Sicilia è stata però così intelligente da far propri gli aspetti peculiari delle diverse culture: greci e fenici, romani e bizantini, arabi e normanni, spagnoli e francesi.
Le ricette di abcsicilia sono ricette facili da realizzare e richiedono ingredienti economici di uso stagionale frequente  


La via della terracotta in Sicilia


La ceramica - Strade e paesi siciliani della terracotta

Semplice, geniale invenzione, la ceramica è una delle realizzazioni più importanti dell'Umanità. In Sicilia essa fa la sua comparsa nel VI millennio a.C. e, sino all'età del Bronzo, si sviluppa in tutti i centri indigeni dell'isola. Dai primi rozzi manufatti di Stentinello, vicino... Leggi tutto
Parchi e Riserve Naturali in Sicilia



VACANZA E AVVENTURA IN SICILIA

Lo scorrimento delle acque del fiume Alcantara ha modellato e inciso il territorio attraversato e, in località Fondaco Motta, frazione del Comune di Motta Camastra, in collaborazione con alcune imponenti colate laviche, ha creato delle suggestive e profonde gole a strapiombo, conosciute come le Gole dell'Alcantara...continua

_____________




LA STORIA DA VISITARE IN SICILIA

Il Parco Archeologico della Neapolis, di notevole estensione, racchiude importanti monumenti che rappresentano la storia della città: la piscina romana, l'Anfiteatro romano, l'Ara di Ierone, l'Orecchio di Dionisio, la Grotta dei Cordari, le Latomie del Paradiso, le Latomie dell'Intagliatella, le Latomie di S. Venera, la Tomba di Archimede e la Necropoli Grotticelle, tutte cartoline fantastiche da visitare in provincia di Siracusa, in Sicilia...continua


_____________




LEGGENDE E MISTERI DEL PASSATO IN SICILIA

Il sito archeologico delle Grotte della Gurfa è un raro esempio di architettura funeraria rupestre, scavato nella roccia arenaria dalla mano dell'uomo in epoca preistorica. La ricostruzione storica di questo monumento è piuttosto complessa per la mancanza di reperti archeologici nella zona circostante le grotte, oltre che per il continuo uso dell'ipogeo che in parte ne ha modificato, trasformato e forse eliminato, la struttura originaria. Studi recenti tuttavia riconoscono questo luogo come tempio dedicato... continua
Il Carnevale in Sicilia

IL CARNEVALE IN SICILIA


In Sicilia il Carnevale è davvero molto sentito e ricco di fascino. Sono molti i carnevali che si festeggiano nell'isola ma ce n'è uno, quello della splendida città di Acireale, che attira visitatori da tutte le parti d'Italia, grazie al fascino che riesce a trasmettere a tutti i... continua

Dove mangiare in Sicilia


La cucina siciliana, dove mangiare in Sicilia
Guida ai sapori e ai valori della cucina siciliana

Una descrizione sulla storia della cucina siciliana e sulle sue tradizioni insieme ad una selezione di locali di cucina tipica siciliana, dove mangiare in Sicilia... Leggi tutto
La Valle dei Templi



Lungo un crinale, impropriamente chiamato valle, venivano eretti, nell’arco di un secolo, il V secolo a.C., numerosi templi a testimonianza di quanto fosse prospera la città. Incendiati dai Cartaginesi nel 406 a.C., venivano restaurati dai romani mantenendo l’originale stile dorico. Può darsi che... continua
Una viuzza del centro
Ri tia nsi ni può fari nè fierru nè ciova (Di te non se ne può fare, nè ferro nè chiodi)
Si dice a qualcuno incapace di dare un aiuto, un vero incapace in tutto!
Chiesa della Badia - 1738
La Chiesa della Badia (1738) un tempo era annessa al Monastero delle Benedettine. Al suo interno affreschi di Giuseppe Crestaduro (1796)
Palazzo Bongiorno
Seguici su Facebook
© abcsicilia   -   Portale turistico e informativo per la Sicilia  -     Tutti i diritti riservati        Chi siamo      Privacy e Cookie Policy

Direttore responsabile: Giuseppe Cianci  giuseppe.cianci@abcsicilia.com                                          Contatti: redazione@abcsicilia.com  

Testata on line non soggetta agli obblighi stabiliti dall'art. 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416 e successive modificazioni, e dall'art. 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62. Inoltre ad essa non si applicano le disposizioni di cui alla Delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008.
Questa testata/blog non costituisce una testata giornalistica poiché non ha carattere periodico ed è aggiornata/o secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerata/o in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 2001. Si precisa inoltre che abcsicilia.com non ha alcuno scopo di lucro, tutti i ricavi della pubblicità presente sono finalizzati al sostegno delle spese tecniche per il mantenimento del dominio e il reperimento dei materiali.
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu