Benvenuti a Malvagna - abcsicilia

Abcsicilia Blog Portal
Vai ai contenuti

Menu principale:

Benvenuti a Malvagna

Benvenuti a Malvagna
Cose da vedere a Malvagna
Malvagna è un piccolo comune della provincia di Messina, con circa 800 abitanti, situato nel Parco Fluviale dell'Alcantara, di cui fa parte. Il borgo si espanse in seguito all'epidemia di malaria del confinante feudo di Mojo. L'aria salubre, il clima temperato e il territorio fertile convinsero molti vassalli della zona circostante a trasferirsi in questo nuovo borgo, che diventò poi anche Principato. Nel 1947 divenne Comune grazie alla scissione di quello di Lanza in quelli di Malvagna e Mojo Alcantara. Dal punto di vista culturale, la città offre la possibilità d'ammirare i resti del seicentesco convento dei Frati Minori e la Chiesetta bizantina a cella tricora risalente al VI-VII secolo denominata "Cuba". Dal punto di vista naturalistico, la cittadina costituisce l'ideale via d'accesso del Bosco di Malabotta. La Festa della Patrona S. Anna ricorre il 26 luglio. Sotto trovate alcune strutture turistico-ricettive dove soggiornare a Malvagna nel Parco Fluviale dell'Alcantara, dove alloggiare, dormire, mangiare o diveertirsi a Malvagna e dintorni in provincia di Messina.


La tua pubblicità GRATIS qui
Pubblicizza GRATIS la tua struttura ricettiva, la tua casa vacanza o anche la tua attività commerciale o professionale su abcsicilia.com. Hai un sito internet? Avrai il link che porta al tuo sito. Non hai un sito internet? Ci pensiamo noi a creare una pagina web tutta dedicata alla tua attività con descrizione, foto, mappa, commenti e modulo per contattarti. Quanto costa? Un banner con la tua pubblicità nella sola pagina del luogo dove opera la tua struttura è completamente GRATUITO.Che aspetti? Fatti vedere sul web e incrementerai i tuoi affari senza alcuna spesa. Ti basta una e-mail. Scrivici a info@abcsicilia.com

GRATIS GRATIS GRATIS GRATIS GRATIS GRATIS GRATIS
U scieccu curri finu a cuannu pò, ma puoi si ferma (L'asino corre fino a quando può, ma poi si ferma)
La corda può essere tirata fino ad un certo punto, poi si spezza e... "qui casca l'asino"



 
Torna ai contenuti | Torna al menu