Ho visitato il comune più alto della Sicilia ed ho assaggiato l'arrosto di castrato, ma anche la caratteristica provola... - Il Blog di Giuseppe. Testata on line. Blog d'approfondimento delle notizie con particolare interesse per la Sicilia - Vacanze in Sicilia - Turismo e Notizie

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ho visitato il comune più alto della Sicilia ed ho assaggiato l'arrosto di castrato, ma anche la caratteristica provola...

Pubblicato da in Bellezze della Sicilia ·


Situato a 1275 mt. sul livello del mare, all'interno del Parco dei Nebrodi di cui fa parte, Floresta è il comune più alto della Sicilia ed il quarto più piccolo per numero di abitanti: 447 al 31 dicembre 2020. Il suo nome deriva sicuramente dal fatto che nell'antichità il sito di Floresta era occupato da una foresta di alberi ad alto fusto dalla quale i Romani ricavavano il legname utile alla costruzione delle loro navi da guerra. Sicuramente il lavoro veniva svolto da prigionieri di guerra e schiavi i quali, con molta probabilità, sarebbero stati i primi ad insediarsi a Floresta.



Floresta è diventata Comune nel 1820 ed il suo impianto urbano è sviluppato attorno alla Chiesa Madre di Sant'Anna (Patrona del Comune di Floresta) e alle vie Vittorio Emanuele e via Umberto I.
Il territorio intorno al piccolo borgo è caratterizzato dalla presenza di rifugi pastorali in pietra denominati "pagghiari 'mpetra" in dialetto siculo, anche se recentemente la loro definizione è "Tholos". Si tratta di costruzioni di pietre a secco, con pianta circolare e copertura a cupola autoportante che si armonizzano con la natura che li circonda.



Il centro storico di Floresta si estende su un declivio esposto a sud, a ridosso di Corso Umberto I (tratto della Statale 116), su cui si affacciano edifici ottocenteschi e novecenteschi con tratti signorili, alcuni ben delineati da mensole ed architravi ornati da eleganti motivi fitomorfi e zoomorfi e balconi in ferro battuto.



Ho visitato Floresta una domenica di giugno 2022, perchè d'inverno è impraticabile per via della neve che qui cade abbondante. Ero in compagnia di amici e ci ha incuriosito la presenza numerosa di turisti che qui vengono per pranzare con prodotti tipici locali, come i salumi nostrani affettati e la Provola dei Nebrodi per antipasto e l'arrosto di castrato, piatto forte del territorio.



La festa Patronale, dedicata a Sant'Anna, si celebra il 26 luglio ma non mancano altri eventi e sagre a Floresta. Consiglio "Ottobrando a Floresta", una sagra per ogni domenica di ottobre, manifestazione dedicata ai prodotti tipici e al folclore con un ricco programma di arte, cultura e spettacoli.










Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu