Castelli aperti in tutta Italia sabato 11 e domenica 12 maggio 2019 - Testata on line. Blog d'approfondimento delle notizie con particolare interesse per la Sicilia - abcsicilia

Abcsicilia Blog Portal
Vai ai contenuti

Menu principale:

Castelli aperti in tutta Italia sabato 11 e domenica 12 maggio 2019

Pubblicato da in Eventi in Sicilia ·
Tags: GiornataCastellitorri


Le Giornate Nazionali dei Castelli sono giunte alla 21ma edizione e fissate per sabato 11 e domenica 12 maggio 2019, a cura dell’Istituto Italiano dei Castelli (IIC), Onlus a carattere scientifico fondata nel 1964 a Milano da Piero Gazzola le cui sedi regionali sono presenti in tutte le regioni italiane.
Da 21 anni, maggio è diventato sinonimo di turismo consapevole in tutta la penisola. Famiglie, visitatori stranieri, scuole e università possono dedicarsi a una intensa 'due giorni’ di scoperte di castelli, rocche, torri ed altre architetture fortificate, senza dimenticare appunto la possibilità di visitare interi borghi, città murate e bastioni: quest’appuntamento per appassionati di storia, restauro ed architettura, turismo culturale è così consolidato da essere spesso soldout in molte delle sedi interessate.

Per quanto riguarda la Sicilia sono due i programmi interessanti da scoprire:
Provincia di Messina
Castello di Milazzo o Cittadella fortificata di Milazzo
Domenica 5 Maggio ore 10.00-14.00
La fortezza, e tutta l'area compresa nell'ampio recinto delle mura spagnole (città murata e borgo antico), in gestione al comune, costituisce la più estesa cittadella fortificata esistente in Sicilia con una superficie di 7 ettari e oltre 12.000 m² occupati da edifici. Essa sorge sulla sommità meridionale della penisola di capo Milazzo e ne sovrasta il Borgo antico. L'insieme dei manufatti e dei sistemi difensivi costituiscono propriamente la "Cittadella Fortificata", altrimenti nota come Città Murata, i cui principali nuclei abitativi che la compongono sono posti a ridosso delle scoscese pareti nord-occidentali del rilievo.
I manufatti in ordine cronologico seguono uno sviluppo piramidale e concentrico verso il basso, al vertice è posta la parte più antica e via via verso il basso e digradanti verso l'esterno a levante, le varie sovrapposizioni identificabili negli stili delle architetture tipiche delle varie dominazioni. La Necropoli e le aree che costituiscono l'agglomerato o i castrum sono ubicati nelle zone
pianeggianti della Cittadella.
Fra le varie dominazioni si contano quella greca, romana, bizantina, normanna, sveva, aragonese, spagnola; ma è stata anche piazzaforte austriaca, tedesca ed inglese.
Nel XI-XII fu edificato il dongione, un perimetro fortificato; nel XIII sec.
l'impianto del castello svevo con cinta turrita; ill XV vede il rafforzamento con
una cinta muraria con bastioni semi-cilindrici, e nel 1603 inizia la costruzione
della vecchia Chiesa Madre.
Nel 1860 è teatro dell'ultima resistenza borbonica all'avanzata delle truppe garibaldine, infatti con l'avvento del Regno d'Italia la città perde la sua importanza strategico-militare e il Castello nel 1880 è declassato da piazzaforte reale a carcere giudiziario.
Il castello ha uno schema iconografico molto articolato: maschio normanno a pianta quadrata e la domus sono racchiusi dalla cinta sveva rettangolare; una seconda cinta aragonese con baluardi cilindrici racchiude il complesso normanno-svevo. Una terza cinta cinquecentesca venne costruita con baluardi triangolari.
Il mastio è chiamato comunente ''Torre Seracena'' sorge al culmine del castello ed è la parte più antica del complesso. La domus invece ha caratteristiche marcatamente residenziali. La cinta muraria che li racchiude segue la sommità triangolare della cresta rocciosa; quattro torri quadrate difendono gli angoli di questo recinto. La cinta muraria quattrocentesca si trova a poca distanza dalla prima. L'ultima cortina muraria fu realizzata nel cinquecento.

Programma 5 maggio 2019
Ore 10:00
Punto Espositivo: Cerimonia di consegna dei dieci pannelli multilingue segnaletici del castello, dal Presidente Lions Club Milazzo, Avv. Giovanni Siracusa e dal Dott. Massimo Tricamo, Presidente della Società Milazzese di Storia Patria, al Sindaco di Milazzo Avv. Giovanni Formica, alla presenza di
rappresentanti della Regione Siciliana o della Soprintendenza.
Ore 10.30 Trasferimento al Duomo Antico
Ore 11.00 Inizio Convegno:
"La Cittadella Fortificata di Milazzo tra passato e futuro"
Ore 11.15 Saluti dell'IIC
Prof. Eugenio Magnano di San Lio Presidente dell'IIC Sezione Sicilia Michaela Marullo Stagno d'Alcontres Vice-presidente Nazionale IIC
Ore 11.30 ''Iconografia del castello di Milazzo'' Prof. Franz Riccobono
Ore 12.00 Introduzione alla visita guidata a cura Prof. Cono Pietro Terranova, possibilità di visitare ambienti ancora non accessibili al pubblico
Ore 14.00 Visita guidata a cura del Prof. Massimo Tricomi

Provincia di Catania
Castello di Adrano (CT)
Visite guidate gratuite: sabato 11 maggio 2019
Come il vicino castello di Paternò, secondo una tradizione storiografica ampiamente consolidata, il castello di Adrano fu fondato nel terzultimo decennio del secolo XI dal Gran conte Ruggero in occasione della conquista della Sicilia occupata dai musulmani, forse sulle preesistenti strutture di una torre saracena.
Il castello presenta infatti la tipica forma del donjon ovvero di torre parallelepipedale suddivisa all’interno in diversi ambienti per ciascuno dei piani, collegati in verticale da strette scale ricavate nello spessore murario.
Appartenuta ai De Parisio, nel 1185 pervenne per matrimonio a Matteo Sclafani che divenne barone di Adrano. Federico d’Aragona (Federico III come Re di Sicilia) nel 1303 nomina lo stesso Matteo Sclafani conte di Adrano. A quest’ultimo di deve probabilmente, in occasione delle proprie nozze, la costruzione della cappella all’interno del dongione.
Nel secolo XVI o nel XVII alla parte basamentale del castello furono accostate quattro piccole e basse torri angolari che in qualche maniera richiamano quelle realizzate da Alfonso D’Aragona nella falsabraga del Maschio Angioino (Napoli). Originariamente isolate queste torrette furono unite nel secolo XVIII da quattro muri, quando il castello, perdute le funzioni militari e di residenza feudale, manteneva ancora quelle di carcere.
Di proprietà comunale, il castello è oggi sede del museo civico, con un’importante sezione archeologica.





Torna ai contenuti | Torna al menu