La Sicilia stanzia 180 milioni per assumere ottomila precari - Blog d'approfondimento. Noi non diamo le notizie, le commentiamo! - abcsicilia

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Sicilia stanzia 180 milioni per assumere ottomila precari

Pubblicato da in Politica siciliana ·
Tags: MusumeciprecariRegioneSicilia

Il Governatore della Sicila Nello Musumeci

E' stata una notte intensa e travagliata per la giunta Musumeci alla Regione siciliana. Dalle 22,30 di ieri sera fino alle 7,30 di questa mattina per arrivare alla fine, dopo discussioni e interruzioni di ogni tipo, all'approvazione della legge di stabilità regionale e così Musumeci resta a galla, almeno per il momento. Il presidente dell'Ars, Gianfranco Micciché ha promesso: "Mai piu' sedute notturne".
Ma cosa ha stabilito la finanziaria siciliana? Una serie di contributi a pioggia a Enti, teatri e consorzi vari, un contentino a destra e a manca per non scontentare nessuno.
E' stato dato il via libera nella notte all'Irca, l'istituto regionale per il credito agevolato alle cooperative e agli artigiani, con l'incorporazione di Ircac e Crias. Resta in piedi Riscossione Sicilia che per legge doveva essere chiusa entro la fine del 2018. Il termine adesso è quello di fine 2019, se poi non dovesse decollare l'intesa con lo Stato per il subentro dell'Agenzia delle Entrate, la Regione dovrà creare una nuova partecipata procedendo nella gestione diretta della riscossione e tutelando i 700 posti di lavoro.
Ok anche all'articolo che assegna un fondo da cui possono attingere i comuni virtuosi che hanno centrato almeno il 65% di raccolta differenziata, i borghi più belli d'Italia e le bandiere blu, nonché i centri storici di Ortigia a Siracusa e Ibla a Ragusa. Ci sono poi le assunzioni e stabilizzazioni dei precari: potranno essere rinviati di due anni i prepensionamenti in corso alla Regione a patto che via sia il consenso dei lavoratori. Salve le stabilizzazioni dei precari con un plafond di 180 milioni di euro l'anno da parte della Regione e il via libera a circa 8 mila assunzioni bloccate dalla Corte dei Conti. Sì a nuove concessioni per lidi, ristoranti e bar fino al 2020: l'assessorato al Territorio è autorizzato a dare nuove concessioni ma con procedura di gara pubblica secondo l'emendamento fatto votare dal M5S. Insomma una salsa tipo dolce-salata-piccante.





Nessun commento


Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu