Benvenuti a Longi - Vacanze in Sicilia - Turismo e Notizie

Abcsicilia
Vai ai contenuti

Menu principale:

Benvenuti a Longi

Cosa vedere nella città di Longi
Longi è un comune della provincia di Messina, con circa 1.500 abitanti, situato a 616 metri sul livello del mare. E' un comune del Parco dei Nebrodi caratterizzato da un patrimonio naturalistico e paesaggistico invidiabile, con la presenza di numerose specie animali e vegetali che gli consentono di distinguersi da altri territori. Longi vanta spazi incontaminati e aria pulita, bellezze territoriali dove il tempo sembra essersi fermato, ideali per chi ha voglia di ritrovare natura e luoghi sani e tranquilli. Il borgo cittadino è sviluppato intorno al Castello, un bellissimo edificio del XII secolo ancora oggi in ottimo stato. Longi, infatti, ha mantenuto la sua peculiarità medievale con le sue viuzze strette, le scalinate in pietra e le discese ripide. Da visitare la Chiesa Madre, con la sua torre campanaria del Quattrocento, la Chiesa della S. Annunziata dov’è custodita la statua della omonima madonna modellata nel XVI secolo da Giacomo e Antonio Gagini. Interessante anche la zona archeologia delle rocche del Castro, con i resti delle cinta murarie, il bosco di Mangalavite, la “Stretta” dove le montagne sembrano toccarsi, il lago Biviere e tanto ancora. Longi è anche denominato uno dei "quattru paisi di li funci" insieme a Mirto, Frazzanò, e Galati Mamertino, perchè le sue montagne sono ricche di funghi.
Sotto trovate alcune strutture turistico-ricettive dove soggiornare a Longi, dove dormire, mangiare o divertirsi a Longi e dintorni in provincia di Messina, nel Parco dei Nebrodi.

La ceramica in Sicilia


La ceramica - Strade e paesi siciliani della terracotta

Semplice, geniale invenzione, la ceramica è una delle realizzazioni più importanti dell'Umanità. In Sicilia essa fa la sua comparsa nel VI millennio a.C. e, sino all'età del Bronzo, si sviluppa in tutti i centri indigeni dell'isola. Dai primi rozzi manufatti di Stentinello, vicino... Leggi tutto
U pattu è pattu, anchi ca cueca u fici è muortu (Il patto è patto, anche se chi lo ha fatto è morto)
La parola data era come un vero e proprio contratto e ne restavano impegnati anche gli eredi!
© abcsicilia   -   Portale turistico e informativo per la Sicilia  -     Tutti i diritti riservati        Chi siamo      Privacy e Cookie Policy

Direttore responsabile: Giuseppe Cianci  giuseppe.cianci@abcsicilia.com                                          Contatti: redazione@abcsicilia.com  

Testata on line non soggetta agli obblighi stabiliti dall'art. 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416 e successive modificazioni, e dall'art. 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62. Inoltre ad essa non si applicano le disposizioni di cui alla Delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008.
Questa testata/blog non costituisce una testata giornalistica poiché non ha carattere periodico ed è aggiornata/o secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerata/o in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 2001. Si precisa inoltre che abcsicilia.com non ha alcuno scopo di lucro, tutti i ricavi della pubblicità presente sono finalizzati al sostegno delle spese tecniche per il mantenimento del dominio e il reperimento dei materiali.
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu