Vi presento Modica, città di merletto dall'anima intima e segreta - Testata on line. Blog d'approfondimento delle notizie con particolare interesse per la Sicilia. Un blog di opinion-leading - Sicilia Turismo e Notizie

   Sicilia Turismo & Notizie
Vai ai contenuti

Menu principale:

Vi presento Modica, città di merletto dall'anima intima e segreta

Pubblicato da in Bellezze della Sicilia ·

Modica, un accatastarsi di case, viuzze e scalinate

Bisogna perdersi, camminando negli armoniosi labirinti di vicoli sui quali incombono terrazzi in ferro battuto adornati da colorati fiori, per poter apprezzare il fascino di questa città, un tempo Contea. Grazie al fervore religioso dei conti Mosca, Chiaramonte, Cabrera ed Henriquez la città venne arricchita dalle numerose chiese in barocco siciliano che l'hanno sempre contraddistinta.


La Chiesa di San Pietro, Santo Patrono di Modica insieme a San Giorgio

A Modica l'arte è di casa, ogni cosa qui è arte, ovunque volga lo sguardo c'è un ricamo barocco che emoziona, che ricorda i vecchi merletti creati dalle nonne, di quelli tra i più lavorati ed eleganti, che regalano a questa città un’anima intima e segreta. Non per niente, così venne descritta da Gesualdo Bufalino nel suo romanzo "musicale" Argo il cieco: "In figura di melagrana spaccata; vicina al mare ma campagnola, metà ristretta su uno sperone di roccia, metà sparpagliata ai suoi piedi con tante scale tra le metà a fare da pacieri e nuvole in cielo da un campanile all'altro, trafelate come staffette dei cavalieri del Re…"


San Giorgio, l'altro Santo Patrono di Modica

A Modica anche la cucina è patrona della città, qui c'è una sinfonia di aromi e sapori che sa soddisfare anche i palati più esigenti. Ma Modica è conosciuta soprattutto per il suo cioccolato, quello tipico modicano: lavorato come facevano gli Aztechi è un cioccolato granuloso, molto friabile e può essere definito cioccolato a freddo. Dagli spagnoli hanno imparato la lavorazione secondo la quale i semi di cacao vengono triturati a pietra in maniera da far sprigionare il burro di cacao ed ottenere la tipica pasta granulosa che poi, ad una temperatura che non supera mai i 40 gradi, viene mescolata con zucchero di canna e spezie.


La Chiesa di San Pietro con la sua scenografica scalinata

"… Modica. Sentieri velati da un tratto di eterno: basole fra scorci di storica passione; a passi tardi rinvengo in cor mio, nascituro sguardo che soave m'attrista…"
(S. Quasimodo)


Città barocca del Val di Noto, Modica si trova nel sud est della Sicilia e fa parte delle città patrimonio mondiale UNESCO dal 2002. Si tratta di una città di origine neolitica, capitale di un'antica e potente Contea.


La processione serale della "Madonna Vasa Vasa"


Il Portale del Palazzo de Leva


L'orologio sulla torre del Castello dei Conti di Modica





Torna ai contenuti | Torna al menu