Il Cimitero di guerra - Catania British Cemetery 1939 - 1945 - Vacanze in Sicilia - Turismo e Notizie

Abcsicilia
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Cimitero di guerra - Catania British Cemetery 1939 - 1945

British Cemetery - Catania
Il Cimitero Militare di Catania, il primo ad essere costruito (1949) di tre simili in Sicilia, è situato a 7 km a sud-ovest dalla città di Catania. Gli altri due si trovano a Siracusa e Agira (EN). È possibile arrivarci dalla strada principale che collega l'aeroporto di Catania in direzione Palermo. Al Cimitero della Guerra di Catania sono sepolti soldati uccisi nella guerra per la liberazione della Sicilia dal fascismo. Molti sono caduti nei combattimenti feroci vicino alla città di Catania.
In totale, il cimitero contiene i resti di 2.135 soldati alleati, 113 dei quali non sono ancora stati identificati. Principalmente le tombe appartengono a caduti di guerra di nazionalità inglese. All'interno del cimitero è presente il registro di tutti i caduti in guerra sepolti in questo luogo, oltre al registro dei visitatori.
La commemorazione del centenario della fondazione del Commonwealth War Graves Commission
Quasi 1.700.000 persone, tra uomini e donne delle forze del Commonwealth, perirono nelle due guerre mondiali. Il loro nome vive per sempre grazie alle loro tombe ed ai loro monumenti commemorativi che si trovano in tutto il mondo, curati dalla Commissione del Commonwealth per le Onoranze ai Caduti di Guerra.
Molte famose personalità hanno contribuito alla creazione di cimiteri e monumenti commemorativi. Architetti come Sir Edwin Lutyens e Philip Hepworth, gli scultori C S Jagger ed Eric Kennington, ma anche l'esperta in giardinaggio, Gertrude Jekyll e gli orticultori del Royal Botanic Gardens, hanno lasciato la loro impronta. Molti comunque hanno dato il loro contributo in maniera anonima, a significare che questi cimiteri appartengono davvero a coloro per cui sono stati creati: i caduti di guerra.
La Commissione del Commonwealth per le Onoranze ai Caduti di Guerra fu costituita nel 1917 e, da subito, furono stabilite regole per assicurare l'eguaglianza nella commemorazione dei caduti. Si stabilì che i caduti sarebbero rimasti nel paese in cui perirono e che in quel paese sarebbero stati commemorati in perpetuo individualmente da una iscrizione in memoriam, incisa su una lapide standard contrassegnante la tomba, o su un monumento commemorativo.
Alla Commissione fu affidato il compito di segnare le tombe, creare i cimiteri e costruire i monumenti commemorativi. Oggi la Commissione onora questo impegno in 150 paesi prendendo cura di 1.100.000 tombe del Commonwealth dalle due guerre mondiali in 2.500 cimiteri di guerra ed in 21.000 altri riquadri di guerra. Da tempo è stata completata la costruzione dei cimiteri e dei monumenti commemorativi, ma il lavoro della Commissione continua tuttora. Sul posto, programmi rigorosi di controllo e di manutenzione mantengono in buono stato le strutture. La pulizia costante, l'incisione e la sostituzione di lapidi e pannelli commemorativi assicurano che i nomi dei caduti continuino a vivere, mentre i lavori di giardinaggio coprono l'intera annata.
La maggior parte di questi lavori sono condotti da personale della Commissione ed il loro costo è ripartito tra i governi delle nazioni associate nel Commonwealth, vale a dire l'Australia, il Canada, l'India, la Nuova Zelanda, il Sud Africa e la Gran Bretagna.
Parchi e Riserve Naturali in Sicilia

Gole Alcantara

VACANZA E AVVENTURA IN SICILIA

Lo scorrimento delle acque del fiume Alcantara ha modellato e inciso il territorio attraversato e, in località Fondaco Motta, frazione del Comune di Motta Camastra, in collaborazione con alcune imponenti colate laviche, ha creato delle suggestive e profonde gole a strapiombo, conosciute come le Gole dell'Alcantara...continua

_____________


Il Teatro Greco

LA STORIA DA VISITARE IN SICILIA

Il Parco Archeologico della Neapolis, di notevole estensione, racchiude importanti monumenti che rappresentano la storia della città: la piscina romana, l'Anfiteatro romano, l'Ara di Ierone, l'Orecchio di Dionisio, la Grotta dei Cordari, le Latomie del Paradiso, le Latomie dell'Intagliatella, le Latomie di S. Venera, la Tomba di Archimede e la Necropoli Grotticelle, tutte cartoline fantastiche da visitare in provincia di Siracusa, in Sicilia...continua


_____________


Grotte della Gurfa ad Alia

LEGGENDE E MISTERI DEL PASSATO IN SICILIA

Il sito archeologico delle Grotte della Gurfa è un raro esempio di architettura funeraria rupestre, scavato nella roccia arenaria dalla mano dell'uomo in epoca preistorica. La ricostruzione storica di questo monumento è piuttosto complessa per la mancanza di reperti archeologici nella zona circostante le grotte, oltre che per il continuo uso dell'ipogeo che in parte ne ha modificato, trasformato e forse eliminato, la struttura originaria. Studi recenti tuttavia riconoscono questo luogo come tempio dedicato... continua
"Si può veramente dire che l'intero mondo è circondato dalle tombe dei nostri caduti... Sono convinto che anche negli anni a venire non ci saranno fautori della pace in terra più convincenti di questa moltitudine di testimoni silenziosi della desolazione apportata dalla guerra"
Re Giorgio V, le Fiandre, 1922
Seguici su Facebook
© abcsicilia   -   Portale turistico e informativo per la Sicilia  -     Tutti i diritti riservati        Chi siamo      Privacy e Cookie Policy
Direttore responsabile: Giuseppe Cianci                                                        Contatti: redazione@abcsicilia.com  giuseppe.cianci@abcsicilia.com

Testata on line non soggetta agli obblighi stabiliti dall'art. 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416 e successive modificazioni, e dall'art. 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62. Inoltre ad essa non si applicano le disposizioni di cui alla Delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008.
Questa testata/blog non costituisce una testata giornalistica poiché non ha carattere periodico ed è aggiornata/o secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerata/o in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 2001. Si precisa inoltre che abcsicilia.com non ha alcuno scopo di lucro, tutti i ricavi della pubblicità presente sono finalizzati al sostegno delle spese tecniche per il mantenimento del dominio e il reperimento dei materiali.
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu