Pesca settembrina: la pesca di Leonforte IGP. Ogni anno la sagra nel paese siciliano - Testata on line. Blog d'approfondimento delle notizie con particolare interesse per la Sicilia. Un blog di opinion-leading - Sicilia Turismo e Notizie

   Sicilia Turismo & Notizie
Vai ai contenuti

Menu principale:

Pesca settembrina: la pesca di Leonforte IGP. Ogni anno la sagra nel paese siciliano

Pubblicato da in News ·

La pesca settembrina IGP di Leonforte

Leonforte è una città siciliana della provincia di Enna situata al centro del sistema montuoso degli Erei, sul declivio di un irto colle che le permette di dominare il territorio, ricco di acque. Nel suo territorio si trova il Monte Altesina, alto ben 1192 metri, che, nell'antichità, venne identificato con il "Monte Ereo" ed è in queste colline che si coltiva la Pesca di Leonforte IGP, denominata Pesca Settembrina, dalla forma globosa e la polpa ben legata al nocciolo.

La settembrina è stata definita "Pesca tardiva IGP di Leonforte" e nasce grazie al particolare microclima che permette la maturazione nel mese di settembre. Nonostante questo ritardo, questa pesca presenta importanti proprietà organolettiche.



A contraddistinguere la pesca settembrina dalle altre è il tipo di coltivazione che viene qui effettuata: nel mese di giugno, quando le pesche sono ancora verdi, vengono insacchettate con appositi contenitori di carta (foto sopra) ricoprendo tutti i frutti della pianta. Questa operazione viene fatta manualmente e scrupolosamente.

Grazie anche a questo procedimento, la settembrina risulta essere uno dei pochi frutti rimasti immuni ai prodotti chimici, quindi le sostanze della pesca potranno essere totalmente naturali e benefiche per l'organismo umano. Non per niente, la qualità della pesca settembrina è molto apprezzata dai consumatori.

Ogni anno, il primo weekend del mese di ottobre, a Leonforte viene organizzata una manifestazione in cui la pesca funge da vera protagonista insieme ad altri prodotti locali come la fava, la lenticchia nera, i legumi, l'olio extra vergine di oliva, le mandorle e le conserve.



Torna ai contenuti | Torna al menu