San Marco d'Alunzio - Vacanze in Sicilia - Turismo e Notizie

Abcsicilia
Vai ai contenuti

Menu principale:

San Marco d'Alunzio

La città di San Marco d'Alunzio
San Marco d'Alunzio è un piccolo comune di appena 2.000 abitanti della provincia di Messina, in Sicilia. E' anche uno dei Borghi più belli d'Italia e fa parte, appunto, dell'apposito circuito dei borghi più belli d'Italia. A San Marco d'Alunzio si tiene, da dieci anni (siamo nel 2016) la Festa della Musica, presentata dalla San Marco Wind Band, un grandissimo evento artistico, culturale e sociale che coinvolge il paese ma anche tutti i Nebrodi del cui Parco fa parte.

Chiamata Alòntion dai Greci divenne Haluntium con i Romani, mentre i Bizantini la chiamarono Demenna e i Normanni San Marco, solo nel 1867 prese il definitivo nome di San Marco d'Alunzio.

Lezioni di storia dell'arte, cosa vedere a San Marco d'Alunzio:
ventidue chiese, un museo archeologico e uno di arte sacra, rovine di un tempio ellenistico, ruderi normanni, affreschi bizantini, vasi greci d'argento a rilievo. E' un museo a cielo aperto questo antichissimo paesino del Parco dei Nebrodi, dal quale domina la costa tirrenica da Cefalù fino a Capo d'Orlando.

Da San Marco d'Alunzio sono passati tutti: vi ha lasciato l'impronta il dio Ercole nel suo tempio, dopo i Greci, poi i Romani e quindi i Bizantini, gli Arabi e i Normanni. Le pietre di marmo rosso di San Marco ci raccontano la storia millenaria di un paese che anche nelle murature più ordinarie rivela materiali di architetture di epoche diverse, in una commistione culturale che è il fascino stesso della Sicilia.

Cosa vedere nella città di San Marco d'Alunzio:

Nella parte più alta dell'abitato si scorgono i ruderi del Castello di San Marco fatto edificare da Roberto il Guiscardo a partire dal 1061 sui resti di una fortificazione preesistente. Fuori delle mura, prima di entrare nel centro storico, si nota in posizione isolata la Chiesa di San Marco, edificata sopra il tempio di Ercole (IV secolo a.C.). La chiesa, totalmente scoperchiata, conserva i muri in pietra a vista e un portale rifatto. Tra le ventidue chiese ancora presenti nel territorio segnaliamo le più interessanti. San Teodoro, chiamata anche Badia piccola, è sorta nel XVI secolo sui resti di una cappella bizantina, ha pianta a croce greca e ciscun braccio quadrato termina in una cupoletta. L'interno è decorato da magnifici stucchi nello stile di Giacomo Serpotta. Il Monastero delle Benedettine, edificato nel 1545, è stato di recente ristrutturato per accogliere il Museo bizantino-normanno. Al piano terra sono state riportate alla luce due delle tre absidi appartenenti alla Cappella dei Quattro Dottori (XI secolo), decorate da splendidi affreschi bizantini. La Chiesa della Madonna Annunziata, situata all'inizio del paese come a guardia dell'abitato, fu costruita probabilmente sui resti di un tempio pagano ma nel corso dei secoli ha subito diverse trasformazioni, alcune delle quali sono documentate da affreschi bizantini ritrovati sotto l'intonaco dei muri. Custodisce una bellissima statua della Vergine in marmo bianco di Carrara del XV secolo sul cui piedistallo, in bassorilievo, è raffigurata una città medievale.

La Chiesa di San Salvatore, detta Badia grande poichè vi era annesso un importante monastero di suore benedettine fondato dalla regina Margherita di Navarra, ora diroccato, sorge isolata in direzione del campo sportivo. L'elegante portale, in marmo aluntino, è impreziosito da colonne, angeli e putti. All'interno la ricchezza di fregi e decori di scuola serpottiana e della decorazione a stucchi culmina nel sontuoso drappo che scende dal baldacchino ligneo, posto sul tabernacolo dell'altare maggiore in legno dorato, opera di don Corrado Oddo del 1704.

La Chiesa Madre di San Nicolò ha una sobria facciata arricchita da tre portali in marmo rosso locale, utilizzato anche all'interno. La Chiesa di Santa Maria delle Grazie custodisce il monumento funerario dei Filangieri, opera di Domenico Gagini (1481). La Chiesa di San Basilio, settecentesca, e la Chiesa dell'Ara Coeli, secentesca. Nella Chiesa di San Giuseppe è allestito il Museo Parrocchiale che custodisce arredi sacri, reliquiari e una Vergine Odigitria in legno policromo.

I piaceri del borgo. Cosa mangiare a San Marco d'Alunzio:

Il salame San Marco è una produzione tipica il cui segreto sta nella qualità  delle carni e nella giusta proporzione degli altri ingredienti. La pasta fatta in casa, i maccheroni al tegamino, i cannoli siciliani, la pignolata, i biscotti al latte e al vermouth.

BORGHI SICILIANI
COSA VISITARE IN SICILIA





BELLEZZA E MOVIDA NOTTURNA IN SICILIA


Tra i posti da visitare in Sicilia, in provincia di Siracusa, non potete assolutamente mancare di fare un viaggio nella stupenda borgata marinara di Marzamemi che possiede una bella spiaggia e da diversi anni offre anche la possibilità di numerosi approdi attrezzati per imbarcazioni da diporto. Nelle serate estive è meta di migliaia di giovani provenienti dalle vicine province siciliane, ma anche dei tantissimi turisti presenti in zona, perchè Marzamemi è luogo di movida notturna, molto ambita dai giovani.. continua

_____________




POSTI DA VEDERE IN SICILIA

Uno dei 90 borghi medievali più belli d'Italia per il suo grande valore artistico, culturale e storico. Nel 2015 poi, Montalbano Elicona è stato eletto il Borgo dei Borghi, cioè il Borgo più bello del nostro Paese, a dimostrazione che la Sicilia è piena di tesori nascosti. Il Castello di Montalbano Elicona rappresenta l'elemento storico-architettonico più significativo del Borgo, dominando tutto il tessuto urbano medioevale ricco di autentica storia...continua

_____________




LUOGHI DA VISITARE IN SICILIA

Tra le sue strette viuzze, irte e medievali, si incontra gente sincera, fiera del proprio passato. A Gangi si conservano ancora gli antichi mestieri, ci sono diverse botteghe: il fabbro, il falegname e lo scalpellino per la lavorazione della pietra. Ma c'è anche il fascino della... continua
Ricette facili




Le ricette più famose della cucina tipica siciliana

Nel cuore del Mediterraneo, la Sicilia è stata per millenni crocevia di popoli che le hanno impedito di affermarsi, nel campo culinario, in maniera autonoma.
Sempre dominata, la Sicilia è stata però così intelligente da far propri gli aspetti peculiari delle diverse culture: greci e fenici, romani e bizantini, arabi e normanni, spagnoli e francesi.
Le ricette di abcsicilia sono ricette facili da realizzare e richiedono ingredienti economici di uso stagionale frequente  


Dove mangiare in Sicilia


La cucina siciliana, dove mangiare in Sicilia
Guida ai sapori e ai valori della cucina siciliana

Una descrizione sulla storia della cucina siciliana e sulle sue tradizioni insieme ad una selezione di locali di cucina tipica siciliana, dove mangiare in Sicilia... Leggi tutto
Da follia e immotivata tristezza, nasce un grande artista,
più è grande la follia e più grande sarà la sua opera!
© Giuseppe Cianci
Seguici su Facebook
© abcsicilia   -   Portale turistico e informativo per la Sicilia  -     Tutti i diritti riservati        Chi siamo      Privacy e Cookie Policy

Direttore responsabile: Giuseppe Cianci  giuseppe.cianci@abcsicilia.com                                          Contatti: redazione@abcsicilia.com  

Testata on line non soggetta agli obblighi stabiliti dall'art. 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416 e successive modificazioni, e dall'art. 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62. Inoltre ad essa non si applicano le disposizioni di cui alla Delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008.
Questa testata/blog non costituisce una testata giornalistica poiché non ha carattere periodico ed è aggiornata/o secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerata/o in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 2001. Si precisa inoltre che abcsicilia.com non ha alcuno scopo di lucro, tutti i ricavi della pubblicità presente sono finalizzati al sostegno delle spese tecniche per il mantenimento del dominio e il reperimento dei materiali.
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu