Benvenuti a Bronte la città dell'oro verde - Sicilia Turismo e Notizie

   Sicilia Turismo & Notizie
Vai ai contenuti

Menu principale:

La città di Bronte
Cosa vedere nella città di Bronte (CT)

Bronte è un comune della provincia di Catania, con oltre 19.000 abitanti, situato a 900 metri sul livello del mare. Il suo territorio si estende alle pendici dell'Etna, sopra un pendio lavico nella zona nord-ovest dell'Etna e rientra sia nel Parco dell'Etna che nel Parco dei Nebrodi.

Da qualunque parte si volga lo sguardo, si offrono al visitatore le immagini della colorita e varia campagna siciliana che, senza soluzione di continuità, collegandosi con i monti (Nebrodi e Etna) sembra proiettarsi verso il cielo.

Molti gli itinerari turistici raggiungibili nelle vicinanze di Bronte: le Gole dell'Alcantara, Taormina, Randazzo e le spiagge della costa ionica. Bronte è conosciuta in tutto il mondo anche per la cultura del pistacchio, un arbusto diffuso nell'isola dagli arabi, che nel territorio di Bronte ha trovato un clima e un terreno adatto per la coltivazione di una specie molto apprezzata, conosciuta appunto col nome di "pistacchio di Bronte".

La cucina di Bronte, come anche quella dell'intera Sicilia, fa largo impiego di questo frutto, soprattutto nella lavorazione dolciaria (paste, torte e gelati). Ogni anno si tiene la tradizionale sagra dedicata all'"oro verde" del comune etneo, il pistacchio, il suo "gioiello" gastronomico, occasione per promuovere lo squisito frutto verde che cresce alle pendici dell'Etna ed i prodotti da esso derivati. I sapori del pistacchio in vetrina a Bronte, granite, gelati, dolci, ma anche primi e secondi piatti tra le specialità tipiche locali.

Cosa vedere a Bronte:
il Castello Nelson, a circa 13 km dal centro, risalente agli inizi del XII secolo, con annessi la Chiesa di Santa Maria di Maniace e un rigoglioso Parco. Tra le Chiese non potete perdervi di visitare la Chiesa di San Giovanni, la Matrice della Santissima Trinità e la Chiesa dell'Annunziata edificata nel 1535. Da visitare anche il Collegio Capizzi.

Sotto trovate alcune strutture turistico-ricettive dove soggiornare a Bronte, dove dormire, mangiare o divertirsi a Bronte e dintorni in provincia di Catania.

Il Castello Nelson a Bronte - Galleria fotografica
© Foto di Giuseppe Cianci per abcsicilia.com
Tra Bronte e Randazzo il fascino british della dimora donata all'ammiraglio

Il versante nord-ovest dell'Etna è scrigno di cultura, storia e natura. Il visitatore che si sofferma qualche giorno a Bronte avrà la possibilità di ammirare un patrimonio incommensurabile, quasi inesplorato, perchè ancora poco conosciuto dal turismo tradizionale.
Bronte, infatti, non è solo la terra del pistacchio ma offre un percorso culturale di grande impronta storica: la Chiesa di San Giovanni, i Tesori del Collegio Capizzi con la sua Pinacoteca Nunzio Sciavarrello, la Chiesa del Sacro Cuore, la Cappella dell'Immacolata e l'antica biblioteca borbonica.
Inoltre, passeggiando per alcuni minuti nel centro storico di Bronte, arriverete a Piazza San Vito, luogo simbolo dei celeberrimi "Fatti di Bronte" del 1860.
Un percorso ambientale vi accompagnerà alle lave cordate dell'Etna, alla Grotta delle nevi, alla casermetta di Piano dei Grilli, al Monte Ruvolo ma anche al Castello Nelson, con il suo Museo della pietra lavica e il grande Parco. Il Castello di Nelson sorge in un complesso che nel XII secolo fu abbazia benedettina.
Dell'antico castello resta ben poco ormai, oltre le torrette e parte delle cinta murarie, in quanto il complesso venne riadattato dagli eredi dell'ammiraglio, al quale era stato donato da Ferdinando IV, ad abitazioni e magazzini al servizio dell'agricoltura.
Nel parco si trova invece un piccolo cimitero dove spicca una croce celtica in pietra lavica dell'Etna, che indica la sepoltura del poeta scozzese William Sharp.


Nelle vicinanze





Lo scorrimento delle acque del fiume Alcantara ha modellato e inciso il territorio attraversato e, in località Fondaco Motta, frazione del Comune di Motta Camastra, in collaborazione con alcune imponenti colate laviche, ha creato delle suggestive e profonde gole a strapiombo, conosciute come le Gole dell'Alcantara...continua


Ricette facili




Le ricette più famose della cucina tipica siciliana

Nel cuore del Mediterraneo, la Sicilia è stata per millenni crocevia di popoli che le hanno impedito di affermarsi, nel campo culinario, in maniera autonoma.
Sempre dominata, la Sicilia è stata però così intelligente da far propri gli aspetti peculiari delle diverse culture: greci e fenici, romani e bizantini, arabi e normanni, spagnoli e francesi.
Le ricette di abcsicilia sono ricette facili da realizzare e richiedono ingredienti economici di uso stagionale frequente  


La ceramica in Sicilia


La ceramica - Strade e paesi siciliani della terracotta

Semplice, geniale invenzione, la ceramica è una delle realizzazioni più importanti dell'Umanità. In Sicilia essa fa la sua comparsa nel VI millennio a.C. e, sino all'età del Bronzo, si sviluppa in tutti i centri indigeni dell'isola. Dai primi rozzi manufatti di Stentinello, vicino... Leggi tutto
Varagghi attuornu attuornu: o fami o siti o suonnu (Sbadigli in mezzo alla via: o fame, o sete, o sonno)
Se lo sbadiglio ti sorprende mentre sei rilassato, allora è dovuto a fame, a sete o a sonno. A chi vi incappa, la possibilità di verifica!
© abcsicilia   -   Portale turistico e informativo per la Sicilia  -     Tutti i diritti riservati        Chi siamo      Privacy e Cookie Policy
Direttore responsabile: Giuseppe Cianci                                                        Contatti: redazione@abcsicilia.com  giuseppe.cianci@abcsicilia.com

Testata on line non soggetta agli obblighi stabiliti dall'art. 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416 e successive modificazioni, e dall'art. 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62. Inoltre ad essa non si applicano le disposizioni di cui alla Delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008.
Questa testata/blog non costituisce una testata giornalistica poiché non ha carattere periodico ed è aggiornata/o secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerata/o in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 2001. Si precisa inoltre che abcsicilia.com non ha alcuno scopo di lucro, tutti i ricavi della pubblicità presente sono finalizzati al sostegno delle spese tecniche per il mantenimento del dominio e il reperimento dei materiali.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu