La città di Randazzo - Sicilia Turismo e Notizie

   Sicilia Turismo & Notizie
Vai ai contenuti

Menu principale:

La città di Randazzo
Cosa vedere nella città di Randazzo (CT)

Randazzo sorge sul versante nord occidentale dell'Etna, a 754 metri sul livello del mare, sull'ultimo ciglione lavico di una colata preistorica, erosa dalle acque del fiume Alcantara che gli scorre ai piedi. Randazzo può essere considerata una meta turistica per chi volesse visitare diversi posti delle città di Catania (65 km), Messina (75 km) ed Enna (circa 100 km). Da Randazzo inoltre è raggiungibile la costa jonica attraverso lo sbocco sulla litoranea di Fiumefreddo di Sicilia, da cui dista circa 30 km e la costa tirrenica attraverso lo sbocco sulla litoranea di Capo d'Orlando, da cui dista circa 60 km.

Cosa vedere a Randazzo

Centro agricolo e turistico alle falde dell'Etna, di antiche origini e dall'aspetto medievale, assunse importanza dopo la guerra del Vespro quando alla normanna Chiesa di Santa Maria se ne aggiunsero altre due, ciascuna con il proprio vescovo. Fu città roccaforte dei re normanni e aragonesi che la dichiararono demanio regio. Nel 1305 fu eletta a propria dimora da Federico II d'Aragona. Oggi conserva la Cattedrale di Santa Maria, pregevole esempio di stile normanno-svevo del XIII sec. ricca di affreschi e marmi pregiati, oltre che di un inestimabile tesoro composto da ori, argenti e smalti. A ferragosto si svolge una caratteristica processione con la tradizionale "Vara", carro di eccezionale interesse folkloristico del periodo rinascimentale, animato da personaggi viventi, alto venti metri.

Sotto trovate alcune strutture turistico-ricettive dove soggiornare a Randazzo, dove dormire, mangiare o divertirsi a Randazzo e dintorni in provincia di Catania nel Parco dell'Etna, nel Parco Fluviale dell'Alcantara e nel Parco dei Nebrodi visto che il territorio di Randazzo si distribuisce in tutti e tre i parchi, tanto da definirla la città dei tre parchi. Questa particolare peculiarità le conferisce una prerogativa unica: quella di poter spaziare fra contenuti ambientali e naturalistici veramente affascinanti. Ogni suggestivo angolo di Randazzo, infatti, offre vedute diverse, panorami imponenti e unici che riservano emozioni da provare. A Randazzo è possibile scoprore tracce della sua antica civiltà e i segni del suo splendido passato medievale. Randazzo è custode del Museo Vagliasindi dove è possibile ammirare ceramiche e monete del periodo preistorico, greco e bizantino. Inoltre, per gli appassionati di scienza, è impossibile disdegnare il Museo Civico delle Scienze naturali con le sue collezioni di ornitologia e naturalistica.
BORGHI SICILIANI
COSA VISITARE IN SICILIA





BELLEZZA E MOVIDA NOTTURNA IN SICILIA


Tra i posti da visitare in Sicilia, in provincia di Siracusa, non potete assolutamente mancare di fare un viaggio nella stupenda borgata marinara di Marzamemi che possiede una bella spiaggia e da diversi anni offre anche la possibilità di numerosi approdi attrezzati per imbarcazioni da diporto. Nelle serate estive è meta di migliaia di giovani provenienti dalle vicine province siciliane, ma anche dei tantissimi turisti presenti in zona, perchè Marzamemi è luogo di movida notturna, molto ambita dai giovani.. continua

_____________




POSTI DA VEDERE IN SICILIA

Uno dei 90 borghi medievali più belli d'Italia per il suo grande valore artistico, culturale e storico. Nel 2015 poi, Montalbano Elicona è stato eletto il Borgo dei Borghi, cioè il Borgo più bello del nostro Paese, a dimostrazione che la Sicilia è piena di tesori nascosti. Il Castello di Montalbano Elicona rappresenta l'elemento storico-architettonico più significativo del Borgo, dominando tutto il tessuto urbano medioevale ricco di autentica storia...continua

_____________




LUOGHI DA VISITARE IN SICILIA

Tra le sue strette viuzze, irte e medievali, si incontra gente sincera, fiera del proprio passato. A Gangi si conservano ancora gli antichi mestieri, ci sono diverse botteghe: il fabbro, il falegname e lo scalpellino per la lavorazione della pietra. Ma c'è anche il fascino della... continua
Parchi e Riserve Naturali in Sicilia



VACANZA E AVVENTURA IN SICILIA

Lo scorrimento delle acque del fiume Alcantara ha modellato e inciso il territorio attraversato e, in località Fondaco Motta, frazione del Comune di Motta Camastra, in collaborazione con alcune imponenti colate laviche, ha creato delle suggestive e profonde gole a strapiombo, conosciute come le Gole dell'Alcantara...continua

_____________




LA STORIA DA VISITARE IN SICILIA

Il Parco Archeologico della Neapolis, di notevole estensione, racchiude importanti monumenti che rappresentano la storia della città: la piscina romana, l'Anfiteatro romano, l'Ara di Ierone, l'Orecchio di Dionisio, la Grotta dei Cordari, le Latomie del Paradiso, le Latomie dell'Intagliatella, le Latomie di S. Venera, la Tomba di Archimede e la Necropoli Grotticelle, tutte cartoline fantastiche da visitare in provincia di Siracusa, in Sicilia...continua


_____________




LEGGENDE E MISTERI DEL PASSATO IN SICILIA

Il sito archeologico delle Grotte della Gurfa è un raro esempio di architettura funeraria rupestre, scavato nella roccia arenaria dalla mano dell'uomo in epoca preistorica. La ricostruzione storica di questo monumento è piuttosto complessa per la mancanza di reperti archeologici nella zona circostante le grotte, oltre che per il continuo uso dell'ipogeo che in parte ne ha modificato, trasformato e forse eliminato, la struttura originaria. Studi recenti tuttavia riconoscono questo luogo come tempio dedicato... continua
Cinta muraria, torri e porte a Randazzo
La città di Randazzo era circondata un tempo da una cinta muraria lunga circa tre chilometri, molto probabilmente di epoca sveva, con otto torri e dodici porte, anche se ormai soltanto alcuni tratti sono visibili oggi. Ciò che resta oggi è il Castello, ossia una delle otto torri, e quattro porte: Porta Aragonese, Porta San Martino, Porta San Giuseppe e Porta Pugliese. Queste ultime due sono delle Postierle, mentre Porta Aragonese si trova lungo il tratto più lungo della cinta muraria superstite e deve il suo nome al fatto che Re Pietro d'Aragona, in occasione del suo restauro, vi fece apporre, accanto allo stemma della città di Randazzo, il proprio e quello della moglie Costanza, ancora oggi visibili. Porta San Martino, invece, si trova in un breve tratto residuo di cinta muraria ed è chiamata anche Porta Palermo, o Porta San Cristoforo, per via dell'immagine del Santo che un tempo vi era affrescata, poi scomparsa, ma sostituita nel 1983 da una composizione in ceramica policroma del professor Nunzio Trazzera.
Ultima delle otto torri della cinta muraria di Randazzo, fu denominata il Maschio per la sua importanza nell'opra di difesa della città. Il Giustiziere del Valdemone, nel XIII secolo, trasformò i sotterranei in camere di tortura per i prigionieri e i condannati a morte. Oggi, restaurato, è sede della collezione archeologica Vagliasindi.


Un ghiacciaio perenne nel territorio di Randazzo
IL GHIACCIAIO PERENNE PIÙ A SUD D'EUROPA

La Sicilia è un magico micro mondo anche in termini meteorologici e geologici. Sull'Etna a quota 2030 metri, all'interno dell'area comunale di Randazzo, esiste dal lontano 1614, anno in cui un crollo creo la cavità, una particolare insenatura chiamata la Grotta del Gelo.
In antichità i pastori che non comprendevano l'eccezionale importanza del luogo si inerpicavano con le loro pecore tra i sassi e sfruttavano ghiacci e nevi fresche per abbeverare le loro bestiole. Oggi invece, escursionisti e turisti, nonché esperti e scienziati, la visitano con caschetti e tute particolari consapevoli di trovarsi nel ghiacciaio esposto più a sud del continente europeo.
D'estate la grotta è facilmente accessibile, nonostante occorrano 5 ore di camminata a piedi per raggiungerla, invece d'inverno rimane coperta interamente dalla neve. Anche nei periodi più caldi al suo interno la temperatura non sale mai sopra i -6° C, un vero record per l'isola siciliana, sferzata da venti caldi che talvolta le fanno toccare anche i 45°C.
Profonda 125 metri è visitabile in compagnia di guide esperte.
Eccellenze siciliane
A Randazzo si trova la sede dell'Azienda vinicola Tenute Moganazzi. Il vitigno del DON MICHELE viene coltivato a 650 metri s.l.m., l’età media delle vigne è di circa 80 anni, allevate ad alberello su un terreno basaltico ricco in silice e minerali accessori. Abcsicilia ha avuto il piacere di assaggiare il Don Michele Etna Rosso Doc presso l'evento Cibo Nostrum 2019, tenutosi a Catania all'interno della Villa Bellini, e ha deciso di inserire questo vino tra le eccellenze siciliane scelte da abcsicilia.News.
DON MICHELE ETNA ROSSO DOC
Colore: Rosso rubino intenso.
Odore: Delicato, con sfumature di vaniglia e di frutta rossa.
Sapore: Elegante, armonico, di notevole persistenza al gusto.
Acidità totale: 5,6 (g/l acido tartarico)
Temperatura di servizio: 18-20°C. Servire in calici adatti a vini.
Abbinamento gastronomico: Carni rosse, formaggi
Denominazione: DOC
Vitigno: Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio
Ubicazione Vigneti: c.da Moganazzi, Passopisciaro, Castiglione di Sicilia. 650 m s.l.m. fianco Nordest dell’Etna
Composizione del terreno: Basaltico, ricco in silice e minerali accessori
Grado alcolico: 14% vol.
Per informazioni visitate il sito del produttore: http://www.tenutemoganazzi.com/
Tri sunu i cosi ca piacinu: i sordi, a munita e i rinari (Tre sono le cose che piacciono: i soldi, la moneta e i danari)
Di primo acchito sembrerebbe trattarsi di tre diverse fonti di piacere, invece, si esalta solo e solamente il dio danaro, con differenti appellativi (...ma sfacciatamente sinonimi)!
Seguici su Facebook
© abcsicilia   -   Portale turistico e informativo per la Sicilia  -     Tutti i diritti riservati        Chi siamo      Privacy e Cookie Policy
Direttore responsabile: Giuseppe Cianci                                                        Contatti: redazione@abcsicilia.com  giuseppe.cianci@abcsicilia.com

Testata on line non soggetta agli obblighi stabiliti dall'art. 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416 e successive modificazioni, e dall'art. 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62. Inoltre ad essa non si applicano le disposizioni di cui alla Delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008.
Questa testata/blog non costituisce una testata giornalistica poiché non ha carattere periodico ed è aggiornata/o secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerata/o in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 2001. Si precisa inoltre che abcsicilia.com non ha alcuno scopo di lucro, tutti i ricavi della pubblicità presente sono finalizzati al sostegno delle spese tecniche per il mantenimento del dominio e il reperimento dei materiali.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu