Agrigento, dove dormire, dove mangiare, cosa vedere - Vacanze in Sicilia - Turismo e Notizie

Abcsicilia
Vai ai contenuti

Menu principale:

Agrigento, dove dormire, dove mangiare, cosa vedere

La città di Agrigento
Guida di Agrigento: scopri i luoghi da visitare nella Città di Agrigento, monumenti e Templi dell'antica Grecia



Cosa vedere nella città di Agrigento

Agrigento, che in siciliano viene chiamata Girgenti, ha origini antichissime ed è stata fondata nel 581 a.C. da alcuni abitanti di Gela, originari delle isole di Rodi e di Creta col nome di Akragas. La città ha vissuto sotto il dominio greco per circa 370 anni, durante i quali acquistò grande potenza e splendore, tanto da essere soprannominata da Pindaro "la più bella città dei mortali". Ancora oggi la bellezza dei Templi greci attira fiumi di turisti.

Un po di storia della città di Agrigento per visitare meglio la città

Agrigento conobbe la sua espansione sotto la tirannide di Falaride, che ordinò una politica di espansione verso l'interno, fece fortificare le mura della città e abbellire il territorio. Tuttavia, il crudele Falaride passò alla storia più per la sua spietatezza che per quanto di buono egli fece per il territorio. Durante la sua tirannide, infatti, venne usato il "toro di bronzo" come strumento di tortura per le vittime sacrificali: il condannato veniva posto al suo interno e del fuoco riscaldava continuamente il toro finché egli non moriva ustionato. L'agonia faceva emettere alla vittima dei lamenti che, come dei muggiti, fuoriuscivano dalla bocca del toro. Il suo ideatore, Perillo, fu il primo a provarne gli effetti. Alla fine, Falaride venne odiato dal popolo e morì lapidato inoltre siccome egli amava vestirsi di azzurro, vennero pure proibite le vesti di quel colore.

Nel 406 a.C, la città venne quasi completamente distrutta dai cartaginesi dopo la loro invasione. Nel 339 a.C., però, grazie al corinzio Timoleonte, la città venne ricostruita e ripopolata. Nel 210 a.C., con la seconda guerra punica, la città passò sotto il controllo dell'impero romano col nome latinizzato di Agrigentum.



Cose da vedere ad Agrigento, città della Valle dei Templi

Oltre alla Valle dei Templi, sono da vedere ad Agrigento il suo centro storico con la Cattedrale dedicata a San Gerlando, il Quartiere ellenistico-romano, la Chiesa di Santa Maria dei Greci costruita sui resti di un tempio, il Monastero di Santo Spirito e numerosi palazzi nobiliari e chiese.
Oltre ai Templi di Ercole, Giove, Concordia, Giunone, Dioscuri, Vulcano e Demetra sono da evidenziare il Quartiere di abitazioni Ellenistico-Romane, il complesso monumentale con la "Cavea" della Ekklesiasterion Ellenistica e il Museo Nazionale di Agrigento che consente di avere una visione più completa della presenza greca nella città.

Feste e sagre nella città di Agrigento

All'inizio di marzo si tiene ad Agrigento la Festa del Mandorlo in fiore, la tradizionale celebrazione della nascita della primavera che si svolge in città e all'interno della Valle dei Templi proponendo ogni anno un ricco calendario di appuntamenti in una manifestazione che dura dieci giorni. La Festa del mandorlo in fiore è un insieme di eventi all'interno di un grande evento: il Festival internazionale del folklore, il festival dei bambini del Mondo, il Corteo storico d'Italia con la sfilata dei tradizionali carretti siciliani e di bande musicali, il treno storico Mandorlo in fiore Express che percorre la linea Agrigento-Porto Empedocle e ancora tante mostre e squisite degustazioni di prodotti lavorati con la mandorla. Dopo tantissimi anni, la Festa del Mandorlo in fiore non si è potuta celebrare nel 2020 a causa della pandemia del "Covid-19" che ha duramente colpito l'intera nazione italiana.

Sotto trovate alcune strutture turistico-ricettive dove poter dormire, mangiare o divertirsi ad Agrigento e provincia.

Cosa vedere ad Agrigento e dintorni


BURGIO una delle cinque città siciliane della ceramica insieme a Caltagirone, Santo Stefano di Camastra, Patti e Sciacca...continua





LA VALLE DEI TEMPLI di Agrigento Uno dei siti archeologici più belli e rappresentativi della civiltà greca, dal 1998 Patrimonio Mondiale dell'Umanità, protetto dall'UNESCO...continua




LAMPEDUSA è un'isola dell'arcipelago delle isole Pelagie, in Sicilia, ed è la più estesa dell'arcipelago nel mar Mediterraneo in provincia di Agrigento. La sua Spiaggia dei conigli è tra le più belle al mondo...continua




LICATA una delle mete preferite dai turisti per la bellezza delle sue spiagge e dei suoi monumenti...continua








MENFI città del vino e del mare pulito, premiata nel 2012 dalla Fee con la bandiera blu...continua






PALMA DI MONTECHIARO la città del Gattopardo e del Castello di Montechiaro...continua





PORTO EMPEDOCLE La città che ha dato i natali a scrittori illustri quali Luigi Pirandello e l'attuale Andrea Camilleri...continua





REALMONTE La città della Scala dei Turchi, della Cattedrale del Sale e del Teatro Costabianca...continua







SAMBUCA DI SICILIA Un paesino dalle tradizioni arabe, eletto Borgo dei Borghi nel 2016...continua





SAN BIAGIO PLATANI Tra le manifestazioni che celebrano la Pasqua, quella che si svolge a San Biagio Platani è sicuramente una delle più antiche, originali e scenografiche di tutta la Sicilia...continua





SCIACCA È una città di mare, turistica e termale. Ricca di monumenti e di chiese, è nota fra l'altro per il suo storico carnevale...continua




Storia della Ceramica in Sicilia



Semplice, geniale invenzione, la ceramica è una delle realizzazioni più importanti dell'Umanità. In Sicilia essa fa la sua comparsa nel VI millennio a.C. e, sino all'età del Bronzo, si sviluppa in tutti i centri indigeni dell'isola. Dai primi rozzi manufatti di Stentinello, vicino... Leggi tutto
Dove mangiare in Sicilia


La cucina siciliana, dove mangiare in Sicilia
Guida ai sapori e ai valori della cucina siciliana

Una descrizione sulla storia della cucina siciliana e sulle sue tradizioni insieme ad una selezione di locali di cucina tipica siciliana, dove mangiare in Sicilia... Leggi tutto
Ricette siciliane facili




Le ricette più famose della cucina tipica siciliana

Nel cuore del Mediterraneo, la Sicilia è stata per millenni crocevia di popoli che le hanno impedito di affermarsi, nel campo culinario, in maniera autonoma.
Sempre dominata, la Sicilia è stata però così intelligente da far propri gli aspetti peculiari delle diverse culture: greci e fenici, romani e bizantini, arabi e normanni, spagnoli e francesi.
Le ricette di abcsicilia sono ricette facili da realizzare e richiedono ingredienti economici di uso stagionale frequente  


La Valle dei Templi



Lungo un crinale, impropriamente chiamato valle, venivano eretti, nell’arco di un secolo, il V secolo a.C., numerosi templi a testimonianza di quanto fosse prospera la città. Incendiati dai Cartaginesi nel 406 a.C., venivano restaurati dai romani mantenendo l’originale stile dorico. Può darsi che... continua
La Valle dei Templi



Lungo un crinale, impropriamente chiamato valle, venivano eretti, nell’arco di un secolo, il V secolo a.C., numerosi templi a testimonianza di quanto fosse prospera la città. Incendiati dai Cartaginesi nel 406 a.C., venivano restaurati dai romani mantenendo l’originale stile dorico. Può darsi che... continua


Cosa vedere nella città di Agrigento: La Festa di San Calogero

Patrono della città di Agrigento è San Gerlando che viene festeggiato il 25 febbraio di ogni anno, ma la Festa di San Calogero a Girgenti (così chiamano Agrigento i siciliani) è molto sentita dai fedeli, forse più che quella del Patrono. Il santuario di San Calogero è infatti uno dei luoghi di culto cattolici più importanti e antichi di Agrigento.
Quest'anno (2019), la Festa di San Calogero andrà in scena dal 7 al 14 luglio. I grandi festeggiamenti in onore del Santo hanno inizio con l'accoglienza dei pellegrini giunti a piedi nudi al Santuario del Santo "nero" e i cortei dei tamburi.
La domenica. dopo lo sparo mattutino dei mortaretti (alborata) e la Fiera degli animali, la processione della statua del Santo percorre le strade da mezzogiorno fino a sera, quando si svolgono i fuochi d'artificio e la fiaccolata.
Un corteo di carretti siciliani e animali bardati a festa, insieme all'offerta di pani votivi al Giardino della Kolymbethra completano la manifestazione religiosa.


La spiaggia di San Leone ad Agrigento


Cose da fare in provincia di Agrigento: La spiaggia di San Leone

San Leone è il lido estivo per gli abitanti di Agrigento. Una stupenda località balneare con annesso porto turistico. Dai suoi circa 4.000 abitanti effettivi in estate arriva a dare soggiorno a oltre 60.000 vacanzieri. Ecco alcune immagini di San Leone

'A ciocca nu scravazza i puddicini (La chioccia non schiaccia i pulcini)
Di norma, nessuna madre è snaturata
©abcsicilia   -   Portale turistico e informativo per la Sicilia  -     Tutti i diritti riservati        

Chi siamo      Privacy e Cookie Policy       Contatti: redazione@abcsicilia.com  

Direttore responsabile: Giuseppe Cianci  giuseppe.cianci@abcsicilia.com

Testata on line non soggetta agli obblighi stabiliti dall'art. 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416 e successive modificazioni, e dall'art. 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62. Inoltre ad essa non si applicano le disposizioni di cui alla Delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008.
Questa testata/blog non costituisce una testata giornalistica poiché non ha carattere periodico ed è aggiornata/o secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerata/o in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 2001. Si precisa inoltre che abcsicilia.com non ha alcuno scopo di lucro, tutti i ricavi della pubblicità presente sono finalizzati al sostegno delle spese tecniche per il mantenimento del dominio e il reperimento dei materiali.
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu